Cerca

indie sto cazzo.

tutto quello che vi siete persi mentre eravate presi ad ascoltare quelle merde degli XX

Thank you for being so not italian #1: URALI

urali
Urali
è una catena montuosa che attraversa la Russia occidentale ma anche una one-man band pop/doom/drone da Rimini. Qualcuno ha coniato il termine cantaudrone.

Continue reading “Thank you for being so not italian #1: URALI”

2013 stocazzo

sooak
Da ottobre non ho scritto più niente qui sopra. Ho fatto altro, ne sono anche piuttosto felice. Continue reading “2013 stocazzo”

PLANTMAN – l’intervista

I Plantman sono inglesi. Non devono essere molto giovani, forse sono più vicini ai 40 che ai 30. Fanno una musica delicata e sognante, un pop alternativo suggestivo e rilassante. The Guardian li ha paragonati ai Velvet Underground senza eroina. Per me sono i Galaxie 500 in una versione inglese più posata e malinconica. Continue reading “PLANTMAN – l’intervista”

Siete fuori coi volumi – fare musica dal vivo nell’Italia del 2013 (Part II)

Sul recente post è stato scritto tanto, forse anche troppo. A un certo punto mi è sembrato di assistere alla simulazione aggiornata e su larga scala del celebre gioco del telefono senza fili, ve lo ricordate? Continue reading “Siete fuori coi volumi – fare musica dal vivo nell’Italia del 2013 (Part II)”

Siamo fuori coi volumi? – fare musica dal vivo nell’Italia del 2013

Questo post è scritto in qualità di uno che la musica la scrive e la suona e probabilmente sarà letto, apprezzato e condiviso soltanto da musicisti. Il problema è proprio questo. Continue reading “Siamo fuori coi volumi? – fare musica dal vivo nell’Italia del 2013”

Musica per veri gorilla: guida parziale ai festival torinesi estivi

Nell’estate torinese ci sono cose che mi perplimono. Continue reading “Musica per veri gorilla: guida parziale ai festival torinesi estivi”

Questo post non è una una spocchiosa rubrica di Vice sul panorama musicale in declino #1

Diversi anni fa suonavo in un gruppo che si chiamava Gardening at Night. Mi limitavo a suonare la chitarra con eccessivo uso di delay. Era bello perchè eravamo giovani, provavamo la domenica pomeriggio in cantina e giocavamo a basket. Continue reading “Questo post non è una una spocchiosa rubrica di Vice sul panorama musicale in declino #1”

Gazebo Penguins – Raudo

raudo
[To Lose La Track, 2013]

Trovo con piacere tra le chiavi di ricerca del suddetto blog “lo stato sociale merda”, quindi mi accingo a scrivere dei Gazebo Penguins. Continue reading “Gazebo Penguins – Raudo”

Montauk – Montauk

montauk

I Montauk mi hanno scritto dicendo “ciao siamo i Montauk, recensione?”
E allora ascoltiamo il bandcamp dei Montauk, che scrivono tra le info “Montauk non è i Fugazi nè gli Husker Du”. Continue reading “Montauk – Montauk”

Blog su WordPress.com.

Su ↑